Pulizia filtri condizionatori fai da te

Respirare aria salubre nel contesto domestico o in quello lavorativo è di prioritaria importanza in ottica “salute”. Se c’è un condizionatore, i filtri devono essere puliti. Con l’articolo odierno, ti spieghiamo come effettuare un’accurata pulizia filtri condizionatori fai da te.

Prima di tutto, perché quest’operazione è importante? In linea di massima, nella stagione invernale, i condizionatori restano inattivi. Ergo, i filtri con il passare del tempo diventano un ricettacolo di batteri e allergeni, perché polvere, polline e altre sostanze nocive tendono ad accumularsi. Se il condizionatore viene azionato senza aver pulito i filtri, con il primo gettito d’aria, tutte queste microparticelle di sporcizia possono diffondersi nell’ambiente. Risultato? L’aria diventa insalubre. E se in casa ci sono persone asmatiche o con problemi alle vie respiratorie, bambini o anziani, le cose si complicano, come puoi facilmente intuire.

CONDIZIONATORI E RISCHI PER LA SALUTE

Effettua una pulizia filtri condizionatori fai da te. E’ semplicissimo, non costa nulla e risparmi i soldi di un intervento di una ditta esterna.

Come effettuarla? Vediamolo insieme

Prima di tutto, cosa ti serve? Un’aspirapolvere, una spazzola con setole morbide, sapone liquido e infine uno spray igienizzante. Stacca la presa del condizionatore, apri lo sportello frontale e tiralo fuori verso l’alto o verso il basso (ciò dipende dal modello), facendo pressione con le dita.

Ogni condizionatore ha due filtri. Massima attenzione, perché vanno trattati in modo diverso. Il filtro anti polvere è composto da un telaio stretto e lungo e da una retina: estrailo dalla macchina, elimina la polvere in eccesso con l’aspirapolvere e puliscilo, lavandolo con acqua corrente e detergente liquido. Va benissimo un sapone liquido con PH neutro. Per la polvere che non riesci a rimuovere con l’aspirapolvere, ricorri ad una spazzola a setole morbide. Una volta lavato il suddetto filtro, lascialo asciugare all’aria.

Vi è poi un secondo filtro composto da carboni attivi. Il suo scopo è quello di eliminare i cattivi odori. Occorre tenerlo in ammollo in una bacinella d’acqua per una quarantina di minuti. Dopodiché risciacqualo e lascialo asciugare. Infine, spruzza lo spray igienizzante nel condizionatore.

Rimonta infine i pezzi, aziona il condizionatore e, con i filtri puliti, il rischio di respirare aria insalubre verrà scongiurato.

CONDIZIONATORI HISENSE ROMA

Pulizia filtri condizionatore ogni quanto effettuarla? Consigliamo di eseguirla due volte all’anno: la prima tra aprile e maggio, prima che la macchina entri in funzione a pieno regime, e la seconda a ottobre, prima che la macchina “vada in letargo”.

Se proprio non ti va di effettuare la pulizia filtri condizionatori fai da te, puoi contattare una ditta specializzata che effettua un intervento qualificato mediante l’utilizzo di un compressore per la rimozione della polvere in eccesso e di apposito detergente per un’azione disinfettante. In linea di massima, l’intervento dura un’ora e i costi si aggirano attorno ai 70 euro.

Annunci